Come funziona la distribuzione

La nostra cartoleria solidale è ospitata al Don Bosco di Pordenone. Questa collocazione logistica ha moltissimi vantaggi: è in posizione centrale, è ben servita dai mezzi e, soprattutto, si inserisce in una struttura che ha una forte connotazione educativa. Oggi proviamo a raccontare com’è organizzata la distribuzione. 

IMG_2555

La nostra associazione fornisce materiale scolastico gratuitamente a studenti che ci vengono segnalati nominalmente dai sevizi sociali, dalle scuole o da altre associazione con le quali siamo in rete. Non facciamo alcuna verifica delle effettive condizioni di necessità poiché questa valutazione è già stata fatta da chi ci invia il nominativo.  E’ possibile che alcune persone non si rivolgano alle istituzioni per richiedere aiuto, soprattutto quando la difficoltà economica è temporanea e quindi vi è imbarazzo nel comunicarla: in questo caso, un breve colloquio ci permetterà di valutare la situazione di chi si rivolge direttamente a noi.

Quando un bambino o un ragazzo arriva per la prima volta, raccogliamo alcuni semplici dati personali (generalità, scuola e classe frequentata, nome del genitore, indirizzo e telefono), facciamo firmare al genitore il documento per la privacy e poi consegnamo una tessera che oltre al nome contiene un codice numerico. Al codice numerico è associata una scheda personale in cui vengono annotati i materiali consegnati e quelli che dobbiamo procurare per la volta successiva se non sono già presenti in magazzino ( questo avviene soprattutto con alcuni materiali specifici delle scuole superiori). Successivamente, ogni volta che un ragazzo accede alla cartoleria con la tessera, il volontario del front-office annota il materiale richiesto  e consegnato (tipologia e quantità),   dati che saranno poi inseriti in un foglio excel.

il back stage

Una volta compilata la scheda di richiesta, questa  va in “magazzino” (un locale direttamente collegato a quello di distribuzione) dove tutti i materiali sono organizzati in scatole e scaffali in modo da poter essere trovati facilmente. Grazie al lavoro degli “angeli del magazzino”, i volontari del front-office hanno così il tempo per poter instaurare un buon dialogo con ragazzi e famiglie, un dialogo improntato all’accoglienza che spesso permette di approfondire altri bisogni. Inoltre abbiamo notato, nel tempo, come la costruzione di una relazione significativa per quanto circoscritta con le famiglie abbia portato anche ad un miglior uso e rispetto del materiale consegnato.

Abbiamo una libreria ben fornita per tutte le età. Cerchiamo di invogliare alla lettura attraverso proposte di qualità però accessibili e piacevoli, con la convinzione che chi semina prima o poi raccoglie 🙂

12032252_623822681053837_4677323408818106122_n (2)

E soprattuttoi ci sono loro, “i ragazzi del magazzino”……. segui il link

Rispondi